Terza edizione ‘Coltiva il tuo futuro’, il bilancio dei promotori

11150592_851635618228201_2503218043997664369_n

Si è chiuso con una media di cento partecipanti e più del doppio degli iscritti, il terzo ciclo di seminari gratuiti ‘Coltiva il tuo futuro’ ideati dalla Cooperativa Agricola Co.r.ag.gio e promossi da Rete Rurale Nazionale e da INEA: quattro giornate di formazione che dal 10 marzo a ieri hanno visto alternarsi ventotto esperti del settore, e che ora offriranno agli aspiranti agricoltori dieci stage retribuiti da svolgere presso alcune aziende agricole di Roma, comunali o nate su terreni pubblici.

L’ultimo appuntamento con ‘Coltiva il tuo futuro’ si è tenuto al Centro Agricolo Borghetto San Carlo, un’area di 22 ettari pubblici su via Cassia 1450 assegnata alla Cooperativa Agricola Co.r.ag.gio con il recente bando “Roma città da coltivare” promosso da Roma Capitale e frutto della campagna “Terre Pubbliche ai nuovi agricoltori” contro la vendita e l’uso improprio del patrimonio agricolo pubblico avviata più di tre anni fa nella Capitale per creare nuova occupazione tra i giovani agricoltori.

Abbiamo deciso di dedicare l’ultimo seminario al tema dell’accesso al credito perché l’agricoltura attrae ancora investimenti pratici e motivazionali nelle nuove generazioni ma la sostenibilità economica è uno dei principali scogli da superare e gli strumenti in campo per le cosiddette start up sono insufficienti. Servono politiche serie di sostegno all’imprenditoria giovanile che escano fuori dalla retorica e tengano conto della qualità del lavoro e del rispetto dei lavoratori, del valore in termini di tutela ambientale delle aziende agricole, soprattutto di quelle nate su terreni pubblici dove dovranno nascere le nuove piazze verdi di Roma, fruibili e in grado di dare servizi ai cittadini” ha detto Giacomo Lepri, presidente della Cooperativa Co.r.ag.gio.

Coltiva il tuo futuro“Questa esperienza riveste un’importanza particolare per l’INEA e per la Rete Rurale Nazionale perché consente di mettere a disposizione di persone che provengono da contesti anche molto differenti le conoscenze e le informazioni necessarie per avviare un’impresa agricola multifunzionale. E’ stata positiva da molti punti di vista, dalla molteplicità dei soggetti coinvolti alla qualità dei contributi offerti, che ha permesso di affrontare temi cruciali come la gestione delle terre pubbliche, la legalità, la funzione sociale dell’agricoltura, anche attraverso un itinerario che ha consentito di incontrare direttamente in azienda esperienze e attività specifiche. Riteniamo che esperienze di questo tipo debbano essere realizzate anche in altri contesti, soprattutto in aree urbane e peri-urbane” ha detto Francesca Giarè, del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria di INEA.

Coltiva il tuo futuroAll’ultimo giorno di seminario hanno partecipato l’assessora di Roma Capitale con delega alle Politiche agroalimentari, Marta Leonori, e il presidente del XIV Municipio, Daniele Torquati. “Filiera corta e agricoltura urbana, albo dei produttori diretti e sostenibilità ambientale – ha dichiarato Leonori – sono alcune delle linee che stiamo seguendo per valorizzare le attività produttive dell’agro romano”. “Abbiamo chiesto al costruttore che ha ancora sotto tutela i casali di Borghetto San Carlo di avviare al più presto i lavori e in questi anni abbiamo condannato i ritardi – ha dichiarato Torquati – questo è un bene che deve essere restituito alla collettività, una parte dei casali infatti sarà gestita direttamente dal Municipio”.